Patacones (Tostones)

Cosa c’√® di meglio di patacones (platani fritti), accompagnati da un buon salsa hogao mentre viaggi nel cuore della cucina colombiana?

Cosa sono i tostones (patacones)?

Il patacón o patacon pisaochiamato anche toston o frittoè un piatto a base di fette di piantaggine verde appiattite e fritte.

In Colombia, friggere un buon patac√≥n pu√≤ essere considerata un’arte. I patacones sono pezzi di piantaggine che vengono prima fritti in olio bollente fino a doratura.

Quindi, vengono scolati e appiattiti. L’utensile utilizzato per appiattire i platani si chiama a tostonera, un gadget di legno creato appositamente per la ricetta dei patacones, ma √® possibile appiattirli con un piattino, o tra due taglieri rivestiti di pellicola trasparente, per ottenere una fetta piatta di piantaggine spessa circa mezzo centimetro. Il risultato sar√† lo stesso di una tostonera.

Dopo aver appiattito i pezzi di banana, vengono nuovamente fritti per alcuni minuti.

Questi tipi di chips di piantaggine verde, fritte due volte, dovrebbero essere servite calde o tiepide, come accompagnamento al pesce per esempio, o come spuntini il pi√Ļ delle volte serviti con guacamole, hogao (salsa criollo) come qui o anche con aji.

Questa specialità è ben nota sia nella cucina caraibica che in quella latinoamericana.

In quelle regioni che si contendono l’origine, la ricetta compare con due nomi distinti a seconda del paese: si chiamano patacones in Colombia, Ecuador, Costarica e Per√Ļ.

Sono chiamati tostones o tachino a Cuba, Nicaragua, Porto Rico e Haiti. In Africa occidentale, sono semplicemente chiamate patatine di piantaggine.

Ad Haiti, sono chiamati bannan fris.

Qual √® l’origine dei tostones (patacones)?

L’origine della parola patacones sembra derivare dalla parola spagnola per “toast” o dall’omonima valuta risalente all’epoca della Grande Colombia nella prima met√† del diciottesimo secolo.

Il patacón è, originariamente, il nome di diverse valute utilizzate in diversi paesi in tempi diversi.

L’origine della parola patac√≥n deriva dall’arabo batakk√°, ed √® il nome di molte monete usate dagli Arabi nel Medioevo. Questa parola √® all’origine della parola italiana patacca, che all’epoca designava denaro proveniente da Paesi musulmani e poi ‚Äúmoneta di poco valore‚ÄĚ per assumere il significato di ‚Äúmoneta contraffatta‚ÄĚ. Nell’italiano moderno, questa parola significa “frode”.

In portoghese, la parola pataca era usato per riferirsi specificamente ad alcune valute di ex colonie, come Macao.

Infine, il nome pat√°cca divenne patac√≥n, nome che diede vita alla prima moneta colombiana. Il patac√≥n √® stata la prima valuta utilizzata in Colombia, a C√ļcuta.

Si pensa che a causa del suo aspetto rigido e quasi rotondo, i famosi patacones colombianos portino lo stesso nome della moneta.

Piantaggine

La piantaggine è un frutto che ha proprietà cicatrizzanti, antibatteriche, antitosse, espettoranti e antinfiammatorie. Si mangia, produce alcol, medicinali, carta, corda, spago, filo, oggetti di artigianato vari, ombrelli, piatti organici usa e getta, recipienti per cucinare, colla, tintura, sapone.

√ą originario dell’Asia (Malesia e Filippine) e del Pacifico, ed √® stato probabilmente portato in Africa, attraverso il Madagascar, dai primi navigatori dall’India o dalla penisola arabica.

La pianta fu portata anche, durante le grandi navigazioni, nei Caraibi e in America. Ora è coltivato in tutte le regioni tropicali del pianeta.

La piantaggine, a differenza della banana convenzionale, non può essere consumata cruda, a causa del suo alto contenuto di amido, che la rende totalmente indigeribile nella sua forma grezza.

Viene spesso consumato schiacciato, fungendo spesso da amido dal sapore neutro come la patata, e serve come piatto base quotidiano, accompagnato da una salsa, verdure, carne o pesce.

√ą il famoso fufu che si trova in tutta l’Africa subsahariana con nomi diversi, ma anche a Cuba con il nome di fufu de platano. In Martinica, si chiama banana-farine o banano gialloe fa parte del popolare pot√©e antillase piatto.

E, naturalmente, le persone lo mangiano anche fritto come patacones (o tostones).

Ad esempio, come fette fritte in olio di palma, √® famoso alloco della Costa d’Avorio. In Nigeria, queste patatine di piantaggine sono chiamate dodo. In Uganda, Tanzania o Ruanda si chiamano matook e in Ghana si chiamano tatale.

In Colombia, la piantaggine √® la pietra angolare dell’alimentazione, dove il consumo medio √® stimato in 100 kg per persona all’anno.

In alcuni paesi africani, la piantaggine rappresenta pi√Ļ di un quarto dell’apporto calorico giornaliero.

La sola piantaggine √® l’alimento base per quasi mezzo miliardo di persone in tutto il mondo.

La piantaggine e la banana convenzionale costituiscono insieme le colture alimentari pi√Ļ importanti nei paesi del sud, dopo riso, grano e mais.

La piantaggine si trova nei seguenti paesi e continenti:

  • nell’Africa occidentale, centrale, orientale e meridionale
  • nei Caraibi: Antille, Cuba e Haiti.
  • in Centro e Sud America: Messico, Porto Rico, Colombia e Brasile.
  • negli Stati Uniti meridionali
  • alle Hawaii
  • nel sud dell’India, Kerala e Tamil Nadu,
  • in Thailandia, Malesia, Indonesia, Filippine
  • nell’Australia settentrionale, in Nuova Caledonia e nelle isole del Pacifico.

In Nuova Caledonia si chiama piantaggine banana-poingo. Nel nord dell’Australia, piede dell’uomo bianco.

Troverai anche altri tipi di tostones come i tostones de pana, che vengono preparati con l’albero del pane al posto dei platani. Sono popolari a Porto Rico.

Prova questa ricetta dei tostones, ma attenzione, creano dipendenza!

Questo articolo √® convalidato dal nostro esperto di cucina colombiana, lo chef Harry Sasson. Il suo omonimo ristorante di punta a Bogot√† √® stato regolarmente classificato nell’elenco dei 50 migliori ristoranti dell’America Latina.

SalvaStampa salvata

Patacones (Tostones)

I patacones, detti anche tostones, sono platani verdi che vengono appiattiti prima di essere fritti. Sono spesso serviti con l’hogao, una salsa creola.

Tempo di preparazione10 min

Tempo di cottura 15 min

Tempo totale25 min

Portata: antipasto, contorno

Cucina: colombiana, latino americana, vegana, vegetariana

Porzioni: 4 persone

Autore: Mike Benayoun

Istruzioni

  • Sbucciare i platani e tagliarli ciascuno in sezioni da 4 cm.

  • Tuffare in un olio per friggere caldo per circa 5 minuti, fino a doratura.

  • Scolatele con una schiumarola e mettetele su carta assorbente.

  • Appiattire ogni porzione fritta con una tostonera, utensile di legno utilizzato per schiacciare gli spicchi in cerchi piatti. Puoi anche appiattire ogni porzione di platano fritto tra due tavole rivestite con pellicola trasparente, per ottenere frittelle piatte spesse 5 mm.

  • Friggere le sezioni piatte della piantaggine, in piccoli lotti, per circa 4 minuti finch√© non diventano dorate. Raccoglieteli con una schiumarola e adagiateli su carta assorbente.

  • Aggiungete un pizzico di sale e servite ben caldo.

Mike √® “il diavolo” del duo dei 196 sapori. Soprannominato cos√¨ dagli amici, √® costantemente alla ricerca di ricette e tecniche insolite con ingredienti introvabili. Il diavolo spinge sempre i limiti, sia con l’umorismo che con le sorprese culinarie.

Articoli Correlati

Back to top button