Mamba

Mamba √® il nome dato al burro di arachidi ad Haiti, ed √® uno dei condimenti pi√Ļ diffusi nel paese.

Cos’√® il mamba?

Il burro di arachidi haitiano è molto simile al burro di arachidi americano tranne che per una caratteristica, è ben speziato.

Ci√≤ che distingue davvero il burro di arachidi haitiano √® il peperoncino e, per quel calcio piccante, lo Scotch Bonnet √® il peperoncino pi√Ļ usato per fare il mamba.

Spesso vengono usati anche il pepe di cayenna e l’habanero.

Affinch√© il mamba si conservi a lungo, non √® raro che venga preparato con spezie essiccate come il pepe di cayenna o altri peperoncini macinati. L’umidit√† dei peperoni freschi fa s√¨ che questo burro di arachidi non possa essere conservato tanto quanto uno fatto esclusivamente con ingredienti secchi.

La tradizione vuole che il mamba del nord di Haiti venga mescolato sei volte, mentre quello del sud √® meno liscio, leggermente pi√Ļ croccante e solo quattro volte.

Come fare il mamba haitiano

Quando viene prodotto a mano ad Haiti, di norma, il mamba viene preparato con metodi tradizionali. Le arachidi vengono prima tostate, poi sbucciate e infine macinate manualmente, utilizzando mortaio e pestello, fino a formare il burro di noci.

La preparazione del mamba viene solitamente effettuata nei cortili. Inizia con una padella gigante sopra un fuoco aperto. I cuochi haitiani arrostiscono le arachidi, mescolandole continuamente contro i lati caldi della padella, quindi, una volta ben arrostite, vengono trasferite in un vassoio per vagliare paglia o bamb√Ļ intrecciato.

Il processo di separazione delle arachidi dalla buccia è una manovra molto ritmica. Le arachidi calde vengono mescolate e mescolate fino a quando la pelle non si stacca, lasciando le arachidi bianche lucide stesse.

Prima che le arachidi passino nel mortaio o nel macinino, si aggiungono zucchero, sale e peperoncino. Scotch bonnet o habanero sono le opzioni pi√Ļ popolari.

L’impasto viene frullato o pestato fino ad ottenere una pasta omogenea. Questo viene poi distribuito sui cracker di manioca.

Arachidi

Nonostante la loro consistenza croccante, l’alto contenuto di grassi e l’alto livello di vitamina E, le arachidi non sono tecnicamente noci o semi oleosi. Appartengono per√≤ alla famiglia delle leguminose e sono quindi imparentate con alimenti come fagioli, lenticchie, ceci e soia.

L’arachide √® originaria del Sud America, in particolare del Brasile e dei paesi limitrofi del Paraguay, della Bolivia e dell’Argentina settentrionale.

La loro diffusione √® iniziata in diverse parti dell’America Latina, dell’America centrale e del Messico prima di essere introdotta in Europa. Dal XVIII al XIX secolo le arachidi si diffusero dal Brasile all’Africa, dal Per√Ļ alle Filippine, Cina, Giappone e India.

L’arachide √® conosciuta con altri nomi, come “piselli macinati”, “arachidi”, “pistacchi macinati” e “pinotte” in Canada.

Qual √® l’origine del burro di arachidi?

Burro di arachidi, noto anche come burro di arachidi O pasta di arachidi, √® una crema spalmabile a base di arachidi ampiamente consumata in Nord America, Canada e Regno Unito. √ą anche ampiamente utilizzato nella cucina africana.

Nel Canada francofono, dove il burro di arachidi √® ampiamente consumato, √® chiamato ‚Äúbeurre d’arachide‚ÄĚ o ‚Äúbeurre de peanut‚ÄĚ (beurre de cacahu√®te essere “burro di arachidi” in inglese).

Il burro di arachidi √® anche molto popolare tra gli olandesi che lo chiamano pindakaas (formaggio di arachidi). √ą sempre pi√Ļ diffuso in Arabia Saudita, grazie ai lavoratori immigrati nel settore petrolifero. Nel Regno Unito, secondo i dati statistici diffusi nel 2018, viene consumato dal 40% delle famiglie.

Sebbene sia presente in molti paesi, il burro di arachidi rimane un alimento tipicamente americano. Gli americani consumano in media quasi 2 libbre (1 kg) all’anno pro capite, su un totale di oltre 6 libbre e mezzo (3 kg) di prodotti a base di arachidi.

La coltivazione delle arachidi √® una delle colture pi√Ļ redditizie negli Stati Uniti, coltivate in 13 dei 50 stati americani, principalmente per l’industria alimentare. Nel 2019, l’industria globale del burro di arachidi valeva 3,5 miliardi di dollari, ovvero circa 3 miliardi di euro.

I due tipi principali di burro di arachidi sono croccanti o lisci e cremosi. La versione croccante ha piccole scaglie di arachidi per dare una consistenza extra, mentre per la versione liscia le arachidi sono macinate uniformemente per dare una consistenza cremosa.

Originariamente, le arachidi furono coltivate per la prima volta come alimento in Sud America e i nativi della regione iniziarono a trasformarle in polpa circa 3000 anni fa.

Il tipo di burro di arachidi prodotto dagli Incas e dagli Aztechi era molto diverso dal prodotto fabbricato venduto oggi nei supermercati. Infatti, questo originale burro di arachidi presentava differenze di composizione e consistenza perch√© arricchito con cacao, era meno spalmabile e pi√Ļ granuloso.

Burro di arachidi moderno

La storia moderna del burro di arachidi inizia infatti alla fine del XIX secolo. In effetti, sembra esserci qualche disaccordo tra gli storici del cibo su chi meriti il ‚Äč‚Äčmerito della sua invenzione.

storico americano, Eleonora Rosakranseafferma che una donna di New York, di nome Rosa Davisiniziò a produrre burro di arachidi già nel 1840, dopo che suo figlio disse di aver visto donne a Cuba macinare arachidi e schiacciarle, trasformarle in una pasta cremosa, e poi spalmarla sul pane.

C’√® anche chi ritiene che il merito vada a Marcellus Gilmore Edson, un chimico canadese che, nel 1884, fece domanda e ottenne il primo brevetto negli Stati Uniti per quella che chiam√≤ ‚Äúmarmellata di arachidi‚ÄĚ.

Progettato come un tipo di pasta aromatizzante, il processo descrive la lavorazione delle arachidi tostate in un mulino riscaldato per produrre un sottoprodotto fluido o semifluido che si raffredda a “una consistenza simile a quella del burro, dello strutto o della pomata.‚ÄĚ Tuttavia, non vi era alcuna indicazione che Edson producesse o vendesse burro di arachidi come prodotto commerciale.

Il merito di questa invenzione potrebbe anche essere dato a Il dottor George A. Baylefarmacista a Saint Louis, Missouri, nel 1890. Con l’intento di ideare un prodotto che potesse sostituire la carne, all’epoca molto costosa, not√≤ che la percentuale di proteine ‚Äč‚Äčnelle arachidi era molto alta, e cos√¨ invent√≤ una ricetta per una crema spalmabile che potesse essere economicamente accessibile a tutti.

E infine, molti sostengono anche che il vero merito dovrebbe andare all’influente dottor John Harvey Kellogg. Kellogg era un medico e chirurgo americano del Michigan che sosteneva i principi della salute della Chiesa avventista del settimo giorno, di cui era membro.

IL Consiglio nazionale delle arachidi ad Atlanta (noto anche come Consiglio nazionale delle arachidi), √® un’organizzazione che mira a migliorare la situazione economica dei coltivatori di arachidi americani e delle loro famiglie attraverso una promozione convincente e una ricerca innovativa. Afferma che il dottor Kellogg ha ricevuto un brevetto nel 1896 per una tecnica da lui sviluppata per produrre burro di arachidi.

Kellogg era un convinto promotore del burro di arachidi e viaggiò molto in tutto il paese per tenere conferenze sui suoi benefici per la salute. Ha anche servito burro di arachidi ai suoi pazienti al Sanatorio di Battle Creek in Michigan, un luogo di cura con programmi di cura sostenuti dalla Chiesa avventista del settimo giorno.

L’unica grande critica all’affermazione di Kellogg come padre del moderno burro di arachidi √® che la sua decisione di passare dalle noci tostate alle noci al vapore ha portato a un prodotto che sembrava assolutamente diverso dalla versione che si trova oggi sugli scaffali.

Nel 1904, il burro di arachidi fu presentato al grande pubblico all’Esposizione Universale di Saint-Louis.

Questa ricetta è convalidata dai nostri esperti di cucina haitiana, lo chef Stephan Berrouet Durand e lo chef Alain Lemaire. Lo chef Stephan è il creatore di Gout et Saveurs Lakay РHaiti Food & Spirits Festival e Taste of Haiti a Miami. Lo chef Alain è il co-proprietario ed Executive Chef di Sensory Delights, nel sud della Florida.

SalvaStampa salvata

Mamba (burro di arachidi piccante haitiano)

Il mamba è la versione piccante haitiana del burro di arachidi che si distingue per la presenza del peperoncino, solitamente Scotch Bonnet.

Tempo di preparazione35 min

Tempo di cottura25 min

Tempo totale1 ora

Portata: Condimento

Cucina: senza latticini, senza glutine, haitiana, vegana, vegetariana

Porzioni: 20 porzioni

Calorie: 141kcal

Autore: Vera Abitbol

Istruzioni

  • Preriscalda il forno a 175¬įC per 15 minuti.

  • Adagiare le arachidi su una teglia foderata con carta da forno o un tappetino da forno in silicone.

  • Tosta le arachidi per 20-25 minuti, mescolandole regolarmente con un cucchiaio di legno, controllando spesso verso la fine per assicurarti che non brucino.

  • Mettete le arachidi in uno scolapasta a fori larghi e, usando entrambe le mani guantate, mescolate le arachidi ancora calde strofinandole costantemente per togliere la buccia.

  • Le pelli dovrebbero cadere gradualmente attraverso i fori.

  • In un robot da cucina, mescolare le arachidi, il sale e lo zucchero per 5 minuti.

  • Aggiungere il peperoncino e frullare ancora per 5 minuti.

  • Aggiungere l’olio e mescolare ancora per 3 minuti o fino ad ottenere una pasta liscia.

  • Trasferire la pasta in un barattolo di vetro sterilizzato e chiudere bene il barattolo.

  • Mamba pu√≤ essere conservato in frigorifero per 1 mese.

Valori nutrizionali

Mamba (burro di arachidi piccante haitiano)

Quantità per porzione

Calorie 141 calorie dal grasso 108

% Valore giornaliero*

Grasso 12 gr18%

Grassi saturi 2 g13%

Sodio 118 mg5%

Potassio 149 mg4%

Carboidrati 6 gr2%

Fibra 2g8%

Zucchero 2 g2%

Proteina 5 g10%

Vitamina A 5UI0%

Vitamina C 1 mg1%

Calcio 12 mg1%

Ferro 1 mg6%

* I valori percentuali giornalieri si basano su una dieta da 2000 calorie.

Vera √® la ‚Äúesperta‚ÄĚ del duo dei 196 sapori. Con oltre 30 anni di esperienza in cucina, ora condivide le sue abilit√† come chef privata e istruttrice di cucina.

Articoli Correlati

Back to top button