Chifrijo

Cos’√® il chifrijo?

Chifrijo √® un piatto contemporaneo costaricano. √ą molto comune nei bar o nelle mense, cos√¨ come nei ristoranti della Costa Rica. Uno spuntino da bar preferito di Los Ticos, il chifrijo ha le sue patatine e salsa amplificate da carne di maiale croccante e un classico condimento costaricano Salsa Lizano.

A differenza di altri piatti presenti qui su 196 sapori, il chifrijo esiste solo dagli anni Novanta e la sua origine proviene dai bar della capitale, San José in Costa Rica. Il suo nome deriva dalla decostruzione dei suoi ingredienti principali CHIcharrones & FRIJOles.

Sebbene possa essere utilizzato come piatto unico, la sua origine era come antipasto o da ‚Äúsgranocchiare‚ÄĚ. Come nella sua composizione entrano i fagioli e il riso cotto, dove vengono mescolati con le cotenne fritte, che vengono agglutinate con la famosa salsa pico de gallo. Ma vengono aggiunti pezzi di tortillas e talvolta includono fette di avocado.

Al giorno d’oggi, √® molto comune vederlo nei mercati degli agricoltori, venditori ambulanti, fiere e carnevali, e ora nei fast food. In realt√†, √® un piatto semplice che viene servito come spuntino o pasto in qualsiasi momento e di solito viene preparato in grandi quantit√† (a litri) per affari di famiglia come compleanni, matrimoni o qualsiasi scusa per festeggiare. Come il messicano menudo√® anche noto come rimedio per curare i postumi di una sbornia nella sua forma di zuppa con l’aggiunta di molti peperoncini piccanti.

Qual √® l’origine del chifrijo?

Secondo il suo creatore Miguel √Āngel Cordero Araya, proprietario di un bar a San Jos√© nella capitale del Costa Rica, un giorno venne nel suo bar con il desiderio di mangiare qualcosa di diverso cos√¨ and√≤ in cucina dove chiese al cuoco cosa doveva “sgranocchiare”. Senza aspettare la risposta del cuoco, inizi√≤ a preparare un piatto. Usava fagioli teneri con brodo, riso cotto, peperoncino, chimichurri o pico de gallo, cotiche fritte e altre cose. Il cuoco lo prov√≤ dopo di lui, e decise di offrirlo a un cliente abituale, che lo approv√≤. Da l√¨ in poi continu√≤ nel resto di quel decennio del secolo scorso, passando anche all’altro stabilimento della propriet√† Cordero rendendo popolare questa ricetta.

Tra la clientela del Cordero’s Restaurant, spiccava l’alta figura di una donna che ha saputo conquistare l’ammirazione, l’apprezzamento e la simpatia del popolo del Costa Rica, dalle diverse cariche pubbliche che ha ricoperto. Questa era la dottoressa Anna Gabriella Ross, a cui piaceva andare in quel bar per bere un paio di drink chauite e assaggia il delizioso chifrijo. Fu il Dr. Ross, a insistere pi√Ļ e pi√Ļ volte affinch√© Cordero, decidesse finalmente di brevettare la sua deliziosa invenzione, cosa che si realizz√≤ anche grazie alla mediazione di Miguel Sol√≥rzano, che si occup√≤ delle procedure legali e poi present√≤ detti documenti davanti al Catasto .

Dopo che il chifrijo di Cordero √® stato debitamente registrato e brevettato, ne sono apparse molte copie, ma nessuna ha la ricetta originale del chifrijo che pu√≤ essere degustata solo al Cordero’s Bar. Dall’inizio del 21¬į secolo, questa ricetta √® inclusa come una delle ricette tipiche del Costa Rica insieme al tamal de cerdo e ceviche e la pentola di carne (variante specifica del sancocho di altri paesi latinoamericani), riso con pollo e altri.

Come fare il chifrijo

La ricetta originale di Miguel √Āngel Cordero consisteva solo di fagioli con il loro brodo, riso, chicharron a pezzi, pico de gallo (pomodoro, aglio, coriandolo, cipolle tritate e succo di limone), tortillas (tortillas tagliate a pezzi triangolari e fritte) e spezie assaggiare. Tuttavia, nel tempo, man mano che questa ricetta √® diventata popolare, ha subito alcune variazioni.

La ricetta √® un conglomerato di prodotti originari dell’America Centrale con quelli portati dai Conquistadores. Tuttavia, questo impasto, fondamentale di fagioli con le cotiche e l’aggiunta di qualcos’altro (salse), ha molte varianti in tutto il territorio della regione. Ecco perch√© esiste la versione dei fagioli con le cotiche del Guatemala, dichiarata patrimonio culturale immateriale di quella nazione.

C’√® la machuquillo da Cuba, dove mescolano i chicharrones macinati con platani cotti. Dall’altro c’√® l’uso del pico de gallo, una salsa i cui ingredienti hanno meno varianti rispetto ai nomi dal Rio Bravo fino a dopo l’Istmo di Panama. E lo stesso vale per le tortillas, che prendono il nome da questa zona e poi scambiate con arepas in Sud America. Certo, in quest’ultimo caso ricevono sostegno dal Vecchio Continente, con un po’ di farina di grano. Pertanto, pu√≤ essere considerato molto logico che sia nato il brevetto Cordero per questa ricetta, dal momento che i tacos messicani si sono diffusi a nord ea sud del loro luogo di origine.

La polemica chifrijo

Chifrijo arriva senza polemiche. I membri della famiglia Cordero, del ristorante Cordero a Tib√°s, hanno cercato di registrare la parola chifrijo come se fosse un marchio commerciale. Nell’ottobre 2014 sono state intentate diverse azioni legali contro ristoranti che hanno utilizzato il termine chifrijo in carta nonostante il fatto che nel 2006 il Registro della Propriet√† Industriale abbia negato la registrazione di questa parola come marchio in quanto inopportuno registrare il nome di un prodotto utilizzando una denominazione comune.

Nel novembre 2014, un giudice civile ha archiviato in tutti i suoi estremi la causa intentata dalla famiglia Cordero contro diversi esercizi commerciali che utilizzano la parola chifrijo sui loro menu.

Innanzitutto, chifrijo √® un portmanteau, che √® una miscela di due (o pi√Ļ) parole o morfemi in una nuova parola, chicharrones (cotiche/pelle di maiale fritte) e frijoles (fagioli). √ą un piatto a strati, con riso, fagioli rossi, cotiche di maiale, pomodoro fresco o pico de gallo e servito con tortilla chips fritte. Viene anche servito con tortillas di mais e pane.

I messicani servono da molto tempo questo tipo di piatto (con pinto e/o fagioli neri) su un piatto o in una ciotola con tortilla di mais o farina. Il Costa Rica gli ha dato la sua firma con le cotiche di maiale.

All’inizio si usava il comune fagiolo rosso, ma quando comparvero le varianti, il fagiolo cubace (fagiolo grosso) predomin√≤ nel gusto della gente. √ą molto comune aggiungere salsa di pomodoro e/o maionese, cos√¨ come avocado, guacamole o peperoncino. Di solito la presentazione del piatto √® la stessa, in una scodella o in una zuppiera, con fagioli in brodo, riso e condita con il pico de gallo, le tortillas e gli avocado. Va servito subito dopo averlo preparato ea temperatura tiepida. Pu√≤ essere accompagnato con bevande come birra, soda naturale, bibite o qualche cocktail dolce.

I costaricani di solito aggiungono una spremuta di succo di lime fresco e un filo di Salsa Lizano. Quest’ultimo √® popolare in Costa Rica e pu√≤ essere meglio descritto come un’alternativa delicata ma saporita alla salsa piccante.

SalvaStampa salvata

Chifrijo

Il chifrijo è un delizioso piatto tradizionale costaricano a base di frijoles e cotiche di maiale, accompagnato da pico de gallo e riso.

Tempo di preparazione1 ora

Tempo di cottura2 ore

Tempo di riposo30 min

Tempo totale 3 ore

Portata: portata principale

Cucina: costaricana, latino americana

Porzioni: 8 persone

Autore: Nita Ragoonanan

Istruzioni

Fagioli

  • Scolare i fagioli e metterli in una pentola a pressione.

  • Coprili con acqua e aggiungi 2 cucchiai di olio d’oliva, coriandolo, 1 scalogno, spicchi d’aglio interi e met√† del peperone.

  • Scaldare a fuoco basso e mescolare per 5 minuti.

  • Quindi chiudere la pentola a pressione e cuocere, a fuoco medio-basso, per 45 minuti.

  • Dopo 45 minuti aprire la pentola a pressione e controllare la cottura dei fagioli. Se non sono abbastanza teneri, chiudete la pentola a pressione e continuate la cottura per 15 minuti

  • Mentre cuociono i fagioli, in una padella, preparare un soffritto con il restante olio d’oliva, l’aglio schiacciato, lo scalogno rimasto, la seconda met√† del peperone, sale e pepe.

  • Quando i fagioli sono cotti, apri la pentola a pressione, aggiungi questo soffritto ai fagioli e fai sobbollire per 15 minuti a fuoco basso.

Maiale

  • Mescolare sale, pepe, paprika, timo e origano e ricoprire ogni pezzo di maiale con questa miscela.

  • Scaldare l’olio vegetale in un grande forno olandese e rosolare tutti i pezzi di maiale senza asciugarli (aggiungere un po’ d’acqua se si asciugano troppo).

  • Una volta cotti i pezzi di maiale, adagiateli su un piatto foderato di carta assorbente.

Riso

  • Scaldare l’olio in un grande forno olandese a fuoco medio.

  • Aggiungere la cipolla, l’aglio e il peperone e cuocere per circa 5 minuti, mescolando regolarmente.

  • Aggiungere il riso e cuocere per altri 2 minuti, mescolando continuamente.

  • Aggiungere l’acqua e il sale e cuocere per circa 10 minuti o fino a quando tutta l’acqua sar√† assorbita.

Per servire

  • Il chifrijo viene servito in ciotole o piatti fondi.

  • Mettete prima uno strato di riso, poi uno strato di fagioli e un po’ del loro sugo, uno strato di maiale e infine il pico de gallo.

  • Il risultato √® caldo e freddo.

  • Servire con tortillas di mais grigliate o fritte, avocado a fette, peperoncino jalape√Īo e fettine di lime.

Nita è la foodie blogger dietro Tastesspicy. Originaria della piccola isola di Trinidad e Tobago nei Caraibi, ora vive nella fredda Tundra del Minnesota, USA, dove le piace condividere ricette da tutto il mondo, in particolare dai Caraibi con cibi dal sapore speziato ma saporito.

Articoli Correlati

Back to top button